Detenuto suicida: non c’è colpa

Domenico Improta si era impiccato in ottobre 2009 nell’infermeria del carcere di Montorio, adoperando la maglietta  perché per precauzione gli erano state tolte anche le lenzuola.

Viene da chiedersi se, quando c’è grave rischio di suicidio, serva di più togliere oggetti o aggiungere relazioni di aiuto personali e professionali.

28 aprile 2011 – Corriere di Verona: "Si tolse la vita in cella a trent’anni – Scagionato il direttore del carcere"


Pubblicato

in

da

Tag:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *