Dal carcere al supermercato, ecco le fragole coltivate dai detenuti con strumenti high-tech

Quando al valore sociale ed etico di un progetto si aggiunge il valore tecnico dell’innovazione scientifica, possono nascere esperienze uniche, come quella del progetto ExNovo della Cooperativa L’Orto Botanico che ha portato quest’anno per la prima volta alla raccolta e alla commercializzazione di fragole coltivate con le più moderne tecniche agrarie direttamente all’interno del carcere delle Novate.
Ed è proprio per “celebrare” il raggiungimento di questo importante risultato, che presso la Casa circondariale di Piacenza sono stati presentati alla stampa e a tutti i soggetti coinvolti i primi “frutti del lavoro del carcere” che a breve saranno acquistabili negli appositi spazi allestiti presso l’Ipercoop Gotico di Piacenza.   
Un progetto complesso, che ha visto scendere in campo le competenze di tanti soggetti coinvolti ma che soprattutto è stato portato avanti nella quotidianità dai veri protagonisti nonché destinatari dell’iniziativa, ovvero i detenuti stessi, che grazie all’attività lavorativa svolta già all’interno del carcere, possono godere di una reale opportunità riabilitativa in vista del loro reinserimento nella società una volta scontata la pena.
A fare gli onori di casa e a sottolineare il valore e l’importanza della missione “rieducativa della pena”, è stata Maria Gabriella Lusi, da pochi mesi alla direzione del carcere di Piacenza, ma già impegnata in prima persona nel sostenere e promuovere un’iniziativa «che esprime – ha detto – tanti valori importanti innanzitutto perché rappresenta una possibilità per i detenuti coinvolti, ovvero quella di reinserirsi nella società in condizioni nuove e sanare così quella frattura che il reato necessariamente ha comportato. Ma non solo. Attraverso questo progetto – ha aggiunto – il carcere esprime la capacità di costruire una rete territoriale, in sinergia con tutti i partner coinvolti».

Un concetto fortemente rafforzato anche dalla presenza dei due magristrati di sorveglianza, i giudici Marta Vassallo e Paolo De Meo, intervenuti per ribadire quanto «La funzione della pena detentiva sia proprio quella di rieducare e di occuparsi delle persone che devono intraprendere questo percorso. Quando sento l’espressione “marcire in carcere” – ha concluso De Meo – penso alla gravità di questa frase e alla sua superficialità: la vera scommessa sociale è proprio quella di farsi carico di queste persone, aiutandole a riabilitarsi per il loro reinserimento nella società». 

Ed è proprio questo il fine ultimo dei percorsi lavorativi che L’Orto Botanico porta avanti già dal 2016 all’interno del carcere con piccole produzioni di ortaggi, miele e laboratori di falegnameria. «Vorremmo ora attraverso questo unico prodotto – ha spiegato il presidente Fabrizio Ramacci – riuscire a raccontare al meglio la storia che ci sta dietro, le persone, e il valore di un progetto che rappresenta un’opportunità sia per i detenuti che vengono coinvolti sia per la società. Crediamo fortemente nel valore dell’offrire una seconda opportunità a chi ha sbagliato e attraverso il lavoro diamo l’opportunità di ricominciare da zero. Ex Novo, appunto».

Ingenti investimenti e un grande impegno sul campo hanno portato quindi ad un primo raccolto di frutti i cui elevati livelli di qualità sono stati raggiunti grazie alla preziosa collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, scesa in campo per garantire oltre che la qualità del prodotto, anche tecniche di coltivazione innovative e all’insegna della sostenibilità ecologica.  

«Una delle nostre missioni, come università – ha spiegato il professor Ettore Capri – consiste proprio nel coinvolgimento della comunità nel trasferimento della conoscenza. Insegniamo ai detenuti le tecniche migliori per ottenere i migliori risultati e questo consente il raggiungimento di importanti obiettivi anche sociali».
Tecniche implementate anche grazie alla qualificata consulenza della società Geoponica che ha portato ad un «prodotto pronto ad andare sul mercato entro le 12 ore dalla raccolta – ha spiegato l’agronomo Alessandro Pansecco – e coltivato attraverso metodi innovativi come il “fuori suolo” in serra, la razionalizzazione del risparmio idrico e l’utilizzo di appositi sensori che consentono di prevenire patologie e monitorare lo stato di salute delle piante».
L’evento è stato l’occasione anche per ringraziare pubblicamente chi ha creduto nel valore di ExNovo e ha scelto di investire per sostenerne l’autonomia e la crescita, come la Fondazione Cattolica Assicurazione, rappresentata ieri da Adriano Tomba e Coop Alleanza 3.0 con Paola Rossi.
A chiudere la giornata, un brindisi a base di fragole appena colte offerto dal carcere a tutti i presenti e allestito grazie alla collaborazione degli operatori penitenziari.“

Potrebbe interessarti: https://www.ilpiacenza.it/attualita/fragole-detenuti-carcere-ex-novo.html?fbclid=IwAR1q015_xu8q_koakWnx2uXNz06n6Z9IGNuBTFtg_MdQYJDUQ1_Irdzzrxk
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/ilPiacenza.it

https://www.ilpiacenza.it/attualita/fragole-detenuti-carcere-ex-novo.html?fbclid=IwAR1q015_xu8q_koakWnx2uXNz06n6Z9IGNuBTFtg_MdQYJDUQ1_Irdzzrxk