È partita di nuovo, a marzo, all’interno del carcere di Montorio (Verona) con l’avvallo e l’aiuto da parte della direzione e di tutto il personale, l’attività di Intercultura. Il corso di quest’anno si intitola: A spasso per il mondo. È un’opportunità per conoscere e confrontarsi con persone, culture e religioni diverse. Al gruppo, molto eterogeneo, è stato presentato il tema in un incontro introduttivo, ricorrendo al linguaggio delle immagini e della musica, piuttosto che a quello verbale, non sempre accessibile per chi non ha una buona padronanza della lingua italiana. In basso i due allegati presentazione e materiale fotografico, usati come presentazione dell’attività, possono dare un’ idea dell’obbiettivo di offrire il benvenuto a ciascun partecipante, permettendogli di riconoscersi in luoghi e suoni familiari. Il passo successivo sarà l’invito a mettersi in gioco per iniziare insieme  questo viaggio speciale, pur tra le mura di un carcere.