Vogliamo segnalare una recente e interessantissima pubblicazione dal titolo significativo:

Accompagnare i condannati invisibili” in cui l’autore Guido Chiaretti, presidente di “Sesta Opera San Fedele” di Milano, da tantissimi anni impegnato come volontario nell’ambito penitenziario, da utili informazioni e suggerimenti su chi vorrebbe,  impegnarsi o è già impegnato in questo delicato ambiente delle misure di comunità.

Dalla presentazione dell’autore:

Questo libro vuole essere uno strumento pratico per far crescere il volontariato penitenziario a servizio delle persone condannate alle Misure Alternative, o più in generale alle pene di comunità. Infatti se da una parte lo Stato Italiano sta puntando sempre più sistematicamente a favorire questo tipo di pena scontata sul territorio piuttosto che in carcere, d’altra parte diventa sempre più urgente che i volontari penitenziari inizino ad occuparsi di questa tipologia di condannati, sempre più numerosi, e che richiedono uno stile di servizio abbastanza diverso da quello praticato in carcere, e affatto conosciuto.

Il testo nasce da oltre dieci anni di esperienza fatta sul campo dai volontari della Sesta Opera San Fedele di Milano in stretta collaborazione con gli assistenti sociali dell’Ufficio Esecuzione Penale Esterna del Ministero di Giustizia competente per la provincia di Milano e Lodi. Da questo contesto sono tratte considerazioni teoriche e pratiche, e alcuni casi emblematici per aiutare i futuri volontari a conoscere questa realtà, ad acquisire gli strumenti più adatti per affrontarli, ma soprattutto, a condividere le motivazioni per poter scegliere di dedicarsi a questo servizio.

 

Per info: Sesta Opera San Fedele

Print Friendly, PDF & Email