Papa Francesco ha proclamato venerabile il servo di Dio don Giuseppe Girelli, missionario nelle carceri e fondatore della Casa S. Giuseppe di Ronco all’Adige, per l’accoglienza degli ex detenuti.

Il presidente  della “Sesta opera” e volontario della “Fraternità” Lorenzo Antonini ha commentato: “Gli aderenti all’associazione Sesta Opera di Misericordia hanno appreso con gioia la notizia della proclamazione a Venerabile del loro fondatore.

Si tratta del pubblico riconoscimento da parte della Chiesa del suo umile ma coraggioso servizio a favore dei detenuti. Una testimonianza del suo incarnare il Vangelo tra coloro che spesso consideriamo ai margini, se non addirittura esclusi dalla nostra società.

Anche nell’assistenza ai carcerati oggi è necessario seguire la logica evangelica del ripartire dagli ultimi. Oggi gli ultimi sono i poveri che non possono pagare l’avvocato e sono affidati alla difesa d’ufficio, che in genere vuol dire nessuna difesa. Gli ultimi sono i detenuti stranieri, fra cui moltissimi immigrati dai Paesi poveri che si trovano completamente isolati, senza parenti e senza mezzi.

Il nostro auspicio è che con questo riconoscimento dell’opera di don Girelli la Chiesa sia sempre vicina a coloro che operano per la rieducazione, il recupero e il reinserimento delle persone private della libertà”.

28-1-14 – L’Arena: “Nuovo passo verso la santità – Don Girelli ora è venerabile”

2-2-14 – Verona fedele: “Don Giuseppe Girelli diventa venerabile”

 

Print Friendly, PDF & Email