Questa è la domanda che tutti i figli rivolgono ad un padre lontano da casa e non sempre la risposta corrisponde a ciò che vorrebbero sentirsi dire. “Non lo so…tra poco, vedrai… per ora ancora non posso…”, risposte vaghe o chiari tentativi di nascondere la realtà attraverso l’illusione.

Ma dietro a questa legittima curiosità, si nasconde il desiderio di un bambino che soffre per la mancanza del genitore e che altro non significa se non: torna papà.

Quando l’assenza dipende dalla carcerazione tutto si complica: come spiegare ad un figlio il motivo della propria assenza? Come sperare che tolleri la lontananza anche per diversi anni?

Questo è uno degli aspetti principali sui quali si interroga il gruppo di padri che ogni giovedì si incontra tra quattro mura del carcere di Montorio, nella speranza di trovare il modo migliore per affrontare la sofferenza e le conseguenze della separazione, nella relazione con i loro figli.

Il “gruppo di parola”, condotto da tre operatori, rientra nelle iniziative previste dal progetto sulla genitorialità, realizzato dall’Associazione “La Fraternità”, finanziato in parte dalla Fondazione Cattolica Assicurazioni e rivolto ai padri detenuti che accedono ai cosiddetti “sabati delle famiglie”, colloqui straordinari che una volta al mese permettono a genitori e figli di trascorrere più di un’ora assieme all’interno del carcere.

La sfida che lancia il progetto è la possibilità di essere genitori nonostante le sbarre, continuando ad interrogarsi sulle modalità e sulle conseguenze di questo ambizioso obiettivo assieme ai genitori stessi. E’ possibile essere padri in carcere? E cosa significa essere padri in carcere?

Nel tentativo di rendere più efficace l’intervento di sostegno alla genitorialità, da quest’anno il progetto è stato arricchito, grazie anche alla collaborazione dell’Associazione “Essere Clown Verona Onlus”, dalla realizzazione di laboratori ludico-espressivi pensati per facilitare la relazione tra genitori e figli.

Vedi il progetto “Padri dentro” 2014

Vedi una sintesi del progetto

Print Friendly, PDF & Email