Sabato 23 novembre alle ore 17,30 nell’auditorium dei Santi Apostoli (vicolo dietro Santi Apostoli 2) l’Associazione La Fraternità, nel programma di manifestazioni per i 45 anni di attività, propone un incontro pubblico sull’importanza della famiglia e sul ruolo dei legami familiari nelle vicende, nelle scelte, nell’aiuto alle persone in carcere, ma anche prima e dopo il carcere.
Fra Beppe Prioli, è il fondatore della Fraternità.
Presenterà le iniziative dell’Associazione nei riguardi delle “seconde vittime” dei reati, le famiglie dei detenuti: in carcere le attività di gruppo sugli affetti e la responsabilità genitoriale e il centro d’ascolto “Domenico” per le famiglie a colloquio, all’esterno l’ascolto, l’accompagnamento e il sostegno alle famiglie e la giornata mensile di incontro e convivialità.
Cosimo Rega, condannato all’ergastolo, è anche il protagonista del film Cesare deve morire dei fratelli Taviani, Orso d’oro al festival di Berlino 2012; è attore, autore e regista teatrale; ha pubblicato il libro autobiografico Sumino ‘o falco e un volume di poesie.
Verrà a Verona in permesso. Presenterà uno spezzone del film, reciterà qualche brano teatrale e racconterà poi alcuni passaggi significativi della sua vita, negli aspetti che più hanno coinvolto i legami familiari. Sarà aiutato in questo dalle domande di Lara Simeoni, psicologa che ha animato in carcere le riflessioni di gruppi di detenuti sui rapporti affettivi e familiari.
Per altre notizie su Cosimo Rega vedi il sito http://www.cosimorega.it/
Print Friendly, PDF & Email