Arturo Gabanizza, poeta dialettale, già operaio rotocalcografo, salesiano laico, impegnato nella formazione professionale, nella pastorale del lavoro, con i giovani in difficoltà, ha frequentato come volontario anche il carcere di Montorio e racconta questa esperienza nella poesia “I me giovedì a Montorio”, ( “E mi conto le me storie / e voialtri me disì le vostre / e mi ve sento amissi / e no so capir el parché / i v’à serado qua…  / E gnanca lo domando…”) contenuta nel volume Quel che me resta da dir voi dirlo tuto…

Altre poesie nello stesso volume dicono della sua attenzione per la giustizia e le povertà. “Beati i pitochi”, traduce dal vangelo di Matteo. Ma in “Giustissia?” conclude: “Poro Gesù / te parea / d’aver parlà ciaro / su quel monte in Galilea… / Ma ala nostra gente / che te sta devota / ghe fa più comodo / pregarte su l’altar / che netàr le ferite / de ci l’è bastonà…”

In “Ricorda Israele” confronta l’insegnamento biblico sull’accoglienza degli stranieri con quello che tanto spesso si sente dire, anche da chi frequenta le chiese: “Ma che i staga a casa sua! / Sa vienli a far qua? / A rubar e far del mal / a le nostre fiole!”

Cosa importano allora le prove scientifiche se la Sindone ha avvolto o no il corpo di Gesù: “Mi prego quel lensol, / sia come sia / so che l’à strucà un poro omo, / martorià, copà dai potenti / d’ogni tempo e d’ogni età, / che col sangue g’à lassado el segno / segno che nessun odio / mai scancelerà!” (“A l’Omo de la sindone”)

Leggi quattro poesie di Arturo Gabanizza

 

Print Friendly, PDF & Email