L’arrivo del gastaldo di S. Lucia

Per i figli dei detenuti del carcere di Montorio è arrivata Santa Lucia. Sabato 15 dicembre Santa Lucia con Gastaldo ed il suo asinello sono entrati fino alla porta della sala colloqui, accolti da un gruppo di 30 bimbi, tra lo spaventato ed il sorpreso.

I due volontari della nostra associazione, travestiti da Santa Lucia e Gastaldo, coordinati dalla garante Margherita Forestan, hanno distribuito ai bambini dei dolcetti e Pino Amenduni dell’associazione “Libellula” ha offerto loro dei giochi. I bambini erano molto contenti, si avvicinavano a Santa Lucia che, non potendoli vedere, li cercava con le mani e dava loro una carezza.

La festa è poi proseguita all’interno della sala colloqui del carcere con i volontari di “Essere Clown Verona”, associazione che da tempo si reca, ogni primo sabato del mese, ad animare i momenti in cui le famiglie con i bambini si riuniscono con il congiunto ristretto.

Il problema dei tempi e dei modi di ingresso in carcere dei bambini è molto sentito: andare in carcere per visitare il papà o la mamma è spesso per i figli un’esperienza traumatica. Iniziative come queste e come i sabati delle famiglie promossi da “Essere Clown Verona” sono finalizzati ad accompagnare e ad alleggerire i momenti di passaggio attraverso il gioco che, ricreando un’atmosfera familiare e facilitando le relazioni, diventa strumento di sostegno.

Print Friendly, PDF & Email