Questo progetto è diventato parte importante delle attività offerte all’interno del carcere di Montorio ai detenuti della terza sezione, la "sezione isolati".

Una trentina sono ad oggi i detenuti che hanno sostenuto esami di idoneità presso il Liceo linguistico europeo “Lavinia Mondin” di Verona, e tre i detenuti che hanno potuto continuare il loro percorso universitario e sostenere alcuni esami presso l’Università di Verona.

I risultati fin qui raggiunti ci incoraggiano a continuare su questa strada. L’interesse che i detenuti partecipanti hanno dimostrato nei confronti di questo progetto ci stimola a migliorare e rendere, se possibile, più efficace l’offerta formativa connessa con questa attività. Introdurre scuole di istruzione secondaria di secondo grado negli istituti di pena è da sempre previsto dalla legislazione italiana. Gli articoli 27 e 34 della Costituzione sanciscono la finalità rieducativa della pena e l’importanza dell’istruzione come strumento adeguato a questo scopo. L’art. 19 della legge n.354 del 26 luglio 1975 indica come importante strumento della rieducazione del condannato l’istituzione, nei penitenziari, di scuole di istruzione secondaria di secondo grado e l’agevolazione del compimento degli studi universitari.

Il DPR n.230 del 2000 all’art. 43 comma 4, per i condannati che non siano in condizioni di frequentare corsi regolari, prevede la possibilità da parte della direzione dell’istituto di concordare con un vicino istituto di istruzione secondaria superiore le modalità di organizzazione di percorsi individuali di preparazione agli esami per l’accesso agli anni di studio intermedi. Per la realizzazione di tali percorsi è prevista la possibilità di servirsi anche dell’attività di volontari, purché dotati della necessaria qualificazione professionale. “La Fraternità” si assume, con questo progetto, di anno in anno, il compito di organizzare i corsi di studio in preparazione agli esami di idoneità.

Obiettivi generali 

– Concorrere alla finalità rieducativa della pena attraverso l’istruzione.

– Occupare temporaneamente i detenuti in modo da favorire l’assunzione di atteggiamenti positivi e sviluppare una migliore capacità di convivenza.

– Acquisire conoscenze approfondite e capacità di assunzione di ruoli impegnativi, anche in vista di un eventuale reinserimento sociale.

– Evidenziare attraverso l’impegno scolastico la necessità di una formazione permanente, anche in età adulta.  

Obiettivi specifici

– Far conseguire ai detenuti che si iscrivono annualità scolastiche del liceo linguistico europeo, in collaborazione con l’Istituto Lavinia Mondin

– Permettere ai detenuti che lo desiderano di partecipare, anche solo come uditori, ai corsi del liceo linguistico, anche limitatamente alle discipline che suscitano il loro interesse.

– Accompagnare nello studio quei detenuti che, avendo interrotto il loro percorso scolastico, chiedono di poterlo completare.

– Seguire, in collaborazione con l’università di Verona, lo studio dei detenuti che, iscritti all’Università, intendono proseguire nel percorso di studi.

Il progetto è destinato agli detenuti della terza sezione e, se possibile, a quei detenuti di altre sezioni che aspettano di essere trasferiti in terza sezione, per i quali è prevista una permanenza a Montorio di almeno sette/otto mesi. Possono partecipare, come uditori, anche quei detenuti che intendono impegnarsi nell’approfondimento solo di alcune delle discipline offerte dal corso di sudi proposto. In tal caso l’obiettivo non è l’esame, ma un arricchimento culturale personale.

Resta molto importante in questo progetto la collaborazione con il CTP Carducci ed il coordinamento con le attività di alfabetizzazione e di scuola media inferiore da esso realizzate, in modo da dare continuità al lavoro di istruzione fatto all’interno del carcere.

A preparare i detenuti agli esami di idoneità come privatisti ci sono docenti che ancora sono in servizio presso la scuola pubblica e docenti in pensione, tutti volontari.

Tale progetto si rinnova di anno in anno ed ha la durata di un intero anno scolastico.

Print Friendly, PDF & Email